Chat with us, powered by LiveChat
Conticorrentiaziendali.it

Imposta di Bollo su Conto Corrente Aziendale

Francesco Emanuele
Esperto di conti correnti

Ti sei mai chiesto cos’è l’imposta di bollo e perché i titolari del conto corrente aziendale sono tenuti a pagarlo?

L’imposta di bollo figura tra i costi fissi e ogni anno si presenta sull’estratto conto.

Si tratta di un tributo indiretto, una tassa istituita dallo Stato, addebitato dalla banca ma destinato alle casse dello Stato. Questo pagamento è rivolto a tutti i possessori di un conto corrente sia dalle persone fisiche sia dalle persone giuridiche.

Si applica in misura fissa ed è prelevata direttamente dalla banca presso la quale il conto corrente è stato aperto o dalle Poste.

In quanto sostituto d’impostal’istituto bancario è tenuto a prelevare l’importo fissato dalla legge per poi trasferirlo all’Agenzia delle Entrate.

Ma vediamo più nel dettaglio perché bisogna pagare l’imposta di bollo su conto corrente aziendale, a quanto ammonta e in quali casi si è esentati.

Cerchi il conto aziendale N°1? Prova Qonto!

Conto corrente Qonto
Provalo Gratis »

Imposta di bollo conto corrente aziendale

Su cosa si paga e a quanto ammonta l’imposta di bollo del conto corrente aziendale

L’imposta di bollo è dovuta per tutte le tipologie di conti correnti bancari (vincolati o meno), per i conti correnti postali e per i libretti di risparmio.

Il suo ammontare è pari a:

  • 34,20 euro per le persone fisiche (Questo è dovuto, per legge, in caso di giacenza sul conto superiore ai 5 mila euro. Per giacenze pari o inferiori a questa cifra, quindi, l’imposta di bollo non deve essere pagata);
  • 100 euro per le aziende, le imprese e i titolari di partita IVA.

Come specificato dall’Agenzia delle Entrate, l’imposta di bollo si applica a:

  • estratti di conti correnti,
  • rendiconti dei libretti di risparmio,
  • comunicazioni periodiche dei prodotti finanziari,
  • rapporti tra enti gestori e fondazioni bancarie.

Quando si paga?

L’imposta di bollo viene addebitata sul conto corrente e, anche se viene calcolata su base annua, può essere saldata su base mensile o trimestrale, a seconda delle condizioni del conto.

In quali casi non si paga l’imposta di bollo su conto corrente aziendale

In alcuni casi, molto rari, è possibile non pagare l’imposta di bollo. Come abbiamo visto, per i privati è sufficiente mantenere una giacenza inferiore ai 5 mila euro per non pagare l’imposta di bollo.

Esistono, tuttavia, pochi conti correnti in cui la banca stessa si fa carico del pagamento dell’imposta di bollo.

Cerchi il conto aziendale N°1? Prova Qonto!

Conto corrente Qonto
Provalo Gratis »